CRONACA DI UNA RICETTA: QUANDO BRIOCHE FA RIMA CON STRUTTO
CRONACA DI UNA RICETTA: QUANDO BRIOCHE FA RIMA CON STRUTTO
Fonte Foto: Antonino Rampulla
Ve lo confessiamo: per campanilismo regionale e per eccesso salutista avremmo preferito utilizzare il nostro olio d’oliva e le nostre farine (semole varie e maiorca). Ci abbiamo provato. Abbiamo fatto innumerevoli sperimentazioni. Tuttavia dobbiamo arrenderci all’evidenza. I risultati migliori li abbiamo ottenuti con gli ingredienti contro i quali abbiamo costantemente tifato: manitoba e strutto.

Della manitoba ne abbiamo già abbondantemente parlato a più riprese: si tratta essenzialmente di una farina di forza di grano tenero, purtroppo per buona parte d’importazione. Cos’è invece lo strutto?

Lo strutto è un grasso alimentare ottenuto dalla cottura del tessuto adiposo del maiale (in particolare dall’area dorsale e surrenale), filtrato e lasciato raffreddare. In Sicilia, durante la dominazione spagnola (tra il XVI e XVII secolo), l’antico termine spagnolosaim indicante lo strutto, è divenuto saime (che più volte abbiamo sentito pronunciare ai nostri nonni). È quindi da considerare a tutti gli effetti un ingrediente tradizionale siciliano, alla base di tanta pasticceria (basti pensare alla cialda dei cannoli) e rosticceria (dai pitoni messinesi, alle cipolline catanesi e agli sfincioni palermitani) siciliana.

brioche-camping-marzamemi.jpg
Sappiamo davvero cosa sia un grasso alimentare?

Il chimico Dario Bressanini, che per quanto ci riguarda è la Cassazione dell’alimentazione, scrive che tutti gli oli e i grassi alimentari contengono, in percentuali diverse, sempre gli stessi acidi grassi, legati nei trigliceridi. Dal punto di vista chimico non c’è quindi differenza tra oli e grassi. Tuttavia definiamo oli i grassi che si presentano liquidi a temperatura ambiente. I trigliceridi sono invece le molecole (presenti sia negli animali sia nei vegetali) che servono a immagazzinare gli acidi grassi. Gli acidi grassi possono essere saturi, monoinsaturi e polinsaturi.
Tutti i grassi alimentari sono composti per lo più da trigliceridi. Ciò che varia da grasso a grasso (cioè tra burro, strutto, olio d’oliva, etc.) è la presenza più o meno maggiore di acidi grassi saturi rispetto agli insaturi. Poiché i trigliceridi sono insapore, la differenza di sapore tra i vari grassi alimentari è data dalla rimanente piccola percentuale delle altre sostanze di cui sono composti. Tendenzialmente gli oli hanno più acidi grassi insaturi rispetto ai saturi. In quanto gli acidi grassi saturi hanno un punto di fusione più alto, va da se che grassi alimentari come lo strutto siano particolarmente adatti per la frittura. Il mito dell’assoluta nocività degli acidi grassi saturi è da sfatare, poiché nella giusta quantità sono utili al nostro organismo. Bressanini sottolinea un’apparente ovvietà: il problema sono sempre gli eccessi.

Nella maggior parte delle prove fatte, abbiamo utilizzato in particolare il burro da centrifuga, il grasso alimentare più “nobile” di cui disponessimo dopo l’olio d’oliva di nostra produzione (che purtroppo, prove alla mano, non è esattamente adatto a preparazioni come le brioche). Tuttavia ci siamo dovuti arrendere ai migliori risultati ottenuti con lo strutto. Ma quanto fa più male lo strutto rispetto al burro?

brioche-agricamping-sophia.jpg
Facciamo qualche calcolo.

Lo strutto è per il 97-99% costituito da acidi grassi; il burro lo è “solo” per l’83%. Il 44% degli acidi grassi dello strutto è costituito da acidi grassi saturi; nel burro è invece il 49% degli acidi grassi a essere saturi. Quindi 100 grammi di strutto possono contenere circa 43 grammi di acidi grassi saturi; 100 grammi di burro ne contengono invece circa 40 grammi. Sostanzialmente una differenza irrisoria.
Considerando anche il personalissimo fatto che, la scorsa stagione estiva, la nostra ricetta delle brioche prevedeva 140 grammi di burro su un chilo di farina, rispetto ai 100 grammi di strutto della nostra ultima (e per quest’anno definitiva…) prova, abbiamo addirittura abbassato la percentuale di acidi grassi saturi…

L’OMS consiglia un’assunzione giornaliera di acidi grassi saturi non superiore a 30 grammi.
In ogni nostra brioche finiscono circa 7 grammi di strutto e una piccola quantità di burro (cioè durante la pirlatura, per via dell’imburramento del piano di lavoro) quindi circa 3-4 grammi di grassi saturi, ossia una quantità, dal punto di vista salutare, in fin dei conti sostenibile…

Perché in un impasto lo strutto “funziona”, secondo noi, meglio del burro?

Perché rispetto al burro conferisce maggiore friabilità e morbidezza per più tempo, poiché lo strutto contrasta la perdita di umidità anche dopo la cottura. In altre parole (prove alla mano), una brioche impastata col burro comincia a perdere considerevole morbidezza già dopo un’ora dalla sfornata (specialmente in inverno, quando, supponiamo, il burro incorporato nella brioche risolidifica più rapidamente); invece la stessa brioche impastata con l’equivalente quantità di strutto si mantiene accettabilmente morbida anche dopo cinque ore (conservata ovviamente in maniera opportuna).

Per gusto personale e per mantenere le brioche più leggere, abbiamo scelto di non mettere uovo all’interno dell’impasto (come la tradizione siciliana invece vorrebbe): il relativo effetto collaterale è l’ottenimento di un impasto più scarico di colore e meno reagente alla maillardizzazione. Per esigenze pratiche abbiamo anche scelto di non mettere il classico tuppo (il che equivale ad alto tradimento qui in Sicilia! Pardon…) Per il resto abbiamo invece preferito rimanere il più possibile tradizionalisti e “naturali” (per quanto possa avere in tal caso senso questo termine), optando ad esempio per un'altrettanta pratica marmellata d’arance amare in luogo delle più usuali fialette aromatiche da pasticceria e per una doratura classica tramite spennellata di tuorlo, che chiaramente non sarà mai uniforme come una spruzzatina di brillo brioches

brioche-agricamping-sophia.jpg
LA RICETTA (per 7 brioches da 120 grammi)

Mescola:

- 120 g. di acqua
- 110 g. di latte (parzialmente scremato)
- 70 g. di zucchero semolato
- 50 g. di marmellata arance amare
- 10 g. di miele (il millefiori va benissimo…)
- 10 g. di sale
- 12 g. di lievito di birra fresco
- una bustina vanillina

Aggiungi e impasta:

- 500 g. di manitoba
- 50 g. di strutto

Lascia lievitare a temperatura ambiente, in una ciotola ricoperta con della pellicola (bagna con dell’acqua i bordi della ciotola, così la pellicola aderisce meglio). I tempi di lievitazione sono relativi specialmente alla temperatura ambientale: in inverno non meno di 24 ore.

Imburra un piano (o un ampio vassoio) d’acciaio (o comunque di materiale liscio, non poroso) e versavi l’impasto. Esegui qualche blanda piega all’impasto, staglia pezzature da 120 grammi e forma le brioche (in tal caso bisogna avere dimestichezza con la cosiddetta pirlatura, ognuno ha la propria tecnica ma certamente non è come fare polpette di carne…)

Riponi le brioche formate in una teglia con carta forno. Attendi che avvenga la cosiddetta seconda lievitazione, di essenziale importanza per la riuscita del prodotto sia per la morbidezza, sia per l’estetica (meno la brioche gonfia durante la cottura, più la doratura sarà uniforme). Ovviamente anche per questa seconda lievitazione i tempi dipendono dalla temperatura ambientale, tuttavia sono sensibilmente più corti rispetto alla prima lievitazione (per via della maggiore presenza di lieviti, che nel frattempo si sono riprodotti innumerevoli volte).

A seconda lievitazione avvenuta, versa un tuorlo di uovo in una tazza, aggiungi un goccio di latte per allungarlo lievemente (che sia realmente una goccia…) e spennella le brioche.

Riscalda il forno in modalità statica, con un pentolino d’acqua alla base (che serve a mantenere l’ambiente di cottura più umido), a 180°; inforna, a temperatura raggiunta, per circa 15-20 minuti (controlla chiaramente dopo un quarto d’ora la cottura, perché ogni forno ha caratteristiche differenti).

Nel frattempo riscalda 30 grammi d’acqua con 15 grammi di zucchero (noi lo facciamo col forno a microonde per circa 15 secondi). Mescola e spennella sulle brioche appena sfornate, per conferire maggiore lucidità e dolcezza alla crosta. Se puoi, togli le brioche dalla teglia e lascia raffreddare in una graticola.

Poiché siamo in costante work in progress e abbiamo sempre da imparare, se hai suggerimenti per migliorare la ricetta, non esitare a contattarci!
Fonte Testo: Antonino Rampulla
ARCHIVIO NEWS
Come nasce ed evolve un campeggio - La cinica verità Come nasce ed evolve un campeggio - La cinica verità
IL PRESUPPOSTO SOCIALE Provengo da una famiglia che nel tempo ha acquisito un relativo benessere economico, non per qualche tipo di arcana rendita passiva, ma semplicemente per le scelte lavorative e di gestione economica di mio padre e mia madre. Tutti i miei nonni erano infatti semplici contadini che, grazie al duro lavoro in campagna, non stavano male ma non navigavano nemmeno nell’oro. Stavano comunque abbastanza bene da consentire ai figli di studiare. Da figlio di contadini, mio padre ha così potuto pensionarsi da Generale dell’Esercito Italiano. SENZA SOLDI NON SI CANTA MESSA Per realizzare il camping, ho tentato di intercettare i fondi che l’Europa elargisce tramite la Regione Sicilia. Tuttavia, tra le presidenze di Cuffaro e Lombardo, quei fondi risultavano “congelati” (c’erano ma per il momento indisponibili…) In ogni caso, per accedere a quei...
NON CHIAMATELO MAESTRO – DIECI CANZONI CHE NON CI STANCHEREMO MAI DI ASCOLTARE NON CHIAMATELO MAESTRO – DIECI CANZONI CHE NON CI STANCHEREMO MAI DI ASCOLTARE
18 maggio 2021: succede quello che purtroppo da un momento all’altro, da tempo, sapevamo che sarebbe accaduto. La voce stanca del suo commiato, del suo testamento spirituale, Torneremo ancora, scritto a quattro mani con l’amico Juri Camisasca, anche autore della splendida Nomadi, già tradiva la speranza di un suo ritorno sulle scene.Scusateci se saltiamo a piè pari l’ennesimo copia/incolla di vita, morte e miracoli di Franco Battiato. Di lui potete leggere quel che volete, dove volete, perché tantissimo in questi giorni, forse anche un po’ ipocritamente, è stato scritto. Semplicemente, non chiamatelo Maestro, perché più volte ha espresso pubblicamente disagio verso l’epiteto che, quando ci si è resi conto della portata incredibile della sua vena artistica e culturale, gli stessi che prima l’hanno denigrato per i suoi avanguardistici esordi, via via si sono affrettati...
TRIPADVISOR TRAVELLERS’CHOICE: ACQUA AL PROPRIO MULINO… TRIPADVISOR TRAVELLERS’CHOICE: ACQUA AL PROPRIO MULINO…
Stamane, mentre bazzicavo sul sito del camping per controllare che il sistema di prenotazione funzionasse a menadito, notavo distrattamente che il logo del certificato d’eccellenza di Trip Advisor è fermo al 2018… Non che ce ne sia mai importato moltissimo, tuttavia, come si sul dire alle nostre latitudini, è un riconoscimento che comunque fa sciacquazza. E dal 2019 che è successo? A parte un leggero incremento delle recensioni su Google (dove il sistema recensivo forse è percepito come più snello e rapido) rispetto a Trip Advisor, la qualità e la quantità di recensioni è rimasta più o meno costante. E quindi? Non è che per caso hanno influito le recenti scaramucce per recedere dal contratto Business Advantage (questione risolta dopo mesi di mail, pec e telefonate, da un gentile Customer Success Executive)? La curiosità a questo punto si insinua tra le mie...
TRA I LIEVITATI DI CHRISTIAN E LA SCIENZA DI BRESSANINI TRA I LIEVITATI DI CHRISTIAN E LA SCIENZA DI BRESSANINI
Nel momento in cui vi diremo che curiamo il nostro blog a prescindere dalla palese associazione con la nostra attività professionale, non credeteci perché staremmo stupidamente mentendo. Ovviamente senza alcuna passione non può venir fuori nulla d’interessante e credibile. Ma è chiaro che se qualche lettore casuale, attratto dai nostri contenuti, finisca anche per incuriosirsi della nostra attività o semplicemente veda distrattamente il nostro logo, non è che ci faccia proprio schifo… Per concludere la “sagra delle ovvietà fintamente segrete”, ci sembra doveroso ricordare che anche chi cura un canale su Youtube o un gruppo su Facebook, se offre contenuti originali e di qualità, ha certamente impiegato ore, ore e ore di studio e lavoro per offrirli comunque gratuitamente, ed è sacrosanto se riesca infine a rimborsarsi almeno le spese o perfino a guadagnarci qualcosa con...
GRANI ANTICHI TRA OLIO D’OLIVA E AUTOLISI GRANI ANTICHI TRA OLIO D’OLIVA E AUTOLISI
Stiamo cercando di abbandonare del tutto l’utilizzo di farine non-siciliane per i nostri prodotti lievitati, non solo per il piacere di riscoprire quei grani antichi che, a prescindere dalla moda del momento, i nostri nonni realmente utilizzavano, non solo per prendere le distanze da quei sapori standardizzati che ormai ovunque possiamo trovare, ma anche perché i criteri di produzione di grano in Italia, a differenza delle giurisdizioni d’oltreoceano, limitano fortemente l’uso di fitosanitari la cui effettiva innocuità per l’uomo è ancora da dimostrare. Anche se finora ci siamo riforniti da molini italiani e siciliani è ovvio che particolari farine di forza non possano essere del tutto derivanti da frumento coltivato nel Bel Paese, semplicemente per improbabilità statistica (dato che la produzione in territorio italiano di grano tenero copre solo il 30% del fabbisogno...
DAI COCCODRILLI NELLE FOGNE DI NEW YORK ALLA BRUCIATURA DELLE TEGLIE IN FERRO BLU DAI COCCODRILLI NELLE FOGNE DI NEW YORK ALLA BRUCIATURA DELLE TEGLIE IN FERRO BLU
Se, come noi dell’Agricamping Sophia, sei appassionato di pizze in teglia e focacce, ti è certamente giunta notizia o hai casualmente letto delle miracolose doti di cottura delle leggendarie teglie in ferro blu. Per curiosità, complice anche il lockdown a causa del Covid-19, ne abbiamo acquistato un paio, per uso privato, da produttori diversi. Essendo al corrente, tramite la frequentazione di forum specializzati e la lettura di una miriade di articoli in rete, della fantomatica bruciatura che dovrebbe essere un’operazione preliminare necessaria per dare il via libera al loro utilizzo, ci siamo acriticamente prodigati nel seguire alla lettera una delle guide scovate fra i primi risultati di Google. L’esito? Tanto fumo, odore di olio bruciato in tutta la casa e due teglie apparentemente rovinate. Immediatamente consultati i forum di cui abbiamo accennato, la diagnosi è che...
RIFLESSIONI SUL LIEVITO MADRE AL TEMPO DEL CORONAVIRUS RIFLESSIONI SUL LIEVITO MADRE AL TEMPO DEL CORONAVIRUS
Scagli la prima pietra chiunque non abbia mai impastato (almeno la propria prima volta in assoluto…) alla penem canis, scaricando un intero cubetto da 25 grammi di lievito di birra in mezzo chilo di farina, come se avesse dovuto far lievitare anche la ciotola … E dopo un paio d’ore (miracolo!) ritrovarsi a sgranocchiare con difficoltà il biscottoso o gommoso risultato chiedendosi perché non ricordasse nemmeno lontanamente una pizza...Il “problema” è che, come già più approfonditamente spiegato riguardo alla fantomatica autolisi, se la lievitazione avviene più rapidamente della sintesi proteica, quell’impasto perde di edibilità e diviene più indicato per utilizzi alternativi, ad esempio come colla… La lievitazione non è l’unico processo chimico e microbiologico che avviene in un impasto ma certamente è tra i più importanti. E se alle soglie della “fase...
FENOMENOLOGIA DEL FOCACCISMO: AUTOLISI O POOLISH? FENOMENOLOGIA DEL FOCACCISMO: AUTOLISI O POOLISH?
Salto brutalmente preamboli e introduzione, se ne sentite la mancanza leggete pure la precedente disamina fenomenologica concernente poolish, biga e proof . Lo scopo è, sic et simpliciter, cercare di comprendere, tramite test empirici, quali siano i migliori modi per godere di uno fra i doni più graditi che madre natura e l’ingegno umano ci hanno fatto: la focaccia! Cos’è il poolish? È un prefermento preparato con egual parti di acqua e farina e una quantità (per quanto mi riguarda) minima di lievito, meglio se infilato in frigorifero (ovviamente in una ciotola…), tanto i lieviti sono attivi anche tra i 4 e gli 8 gradi Celsius, per 16 ore (se a temperatura ambiente, per molto meno tempo ma sarà differente anche la qualità finale del poolish). Vale sempre la regola dei lievitati: se avete fretta, le crespelle (crepes, per i francofili) si preparano in molto meno tempo…...