PIZZA? TRA MESSINA E PACHINO, TRA FOCACCE E SCACCE.
PIZZA? TRA MESSINA E PACHINO, TRA FOCACCE E SCACCE.
Fonte Foto: Antonino Rampulla
Sulla rivisitazione di Cracco della pizza margherita, l’ipercritico popolo dei social, costituito dalle geniali menti di lungimiranti economisti, navigati allenatori di calcio, colleghi tout court di Pico de Paperis ed esperti chef, dal solo sguardo distratto alle tante foto reperibili sul web dell’ormai celebre e discussa pietanza, ha mosso dubbi perfino sulla sua commestibilità…
Tuttavia, a prescindere dal tempo “perso” (non certamente per le sue tasche…) a sciorinare giudizi sulle prove dei concorrenti di Masterchef, esperienza che l’ha tanto distratto dai fornelli da costargli una stella Michelin, è probabile che la fama di Cracco in cucina (rigorosamente Scavolini, sia chiaro…) non sia dovuta solo al ruolo televisivo.
Mi chiedo quindi a che titolo possa proferir parola in merito anche chi al comunque abusato attributo gourmet riesce al massimo ad associare il Big Mac… E corollariamente mi chiedo come possano simili forme pseudo-culinarie aver preso piede nella patria del mangiar bene. Chiedo scusa (non senza un sottile velo d’ipocrisia) agli affezionati di un certo paninismo made in USA per il mio appena accennato snobbismo gastronomico.
Tornando alla pizza margherita dello chef stellato, l’equivoco, a mio fintamente modesto e profano avviso, nasce dalla più diffusa e comune idea di pizza. Se fossi napoletano mi sentirei derubato e offeso per la mistificazione del piatto più famoso della mia tradizione gastronomica, e non per la legittima rivisitazione di Cracco ma per certi obbrobri gastronomici che oltreoceano osano spacciare per pizza. E sì, il gastrofighettismo alla Allan Bay mi ha contagiato… In ogni caso, con buona pace dei napoletani, col termine pizza, l’uomo di mondo non si riferisce all’originaria verace napoletana, ma a qualunque panificato a base più o meno piatta.
pitone-pidone-piduna-al-forno-gigante.jpg
La mia personalissima idea è che col termine pizza ci si dovrebbe propriamente riferire alla sola verace pizza napoletana, preparata secondo il suo definito e preciso disciplinare, relativo a impasto, condimento e cottura. L’assurdità è che la stragrande maggioranza degli habitué di Domino’s e compagnia bella, non sempre riescono ad apprezzarla, preferendole le versioni industriali in cui nell’impasto c’è più strutto o margarina di acqua e farina. Fare la pizza napoletana non è facile e, a meno di non trovarsi a Napoli, raramente è possibile godere di una sua fedele riproduzione. Siamo così assuefatti da una certa idea di pizza da non avere gli strumenti palato-culturali per degustare l’originale. Qualche giorno fa ho potuto assaggiare la pizza napoletana di un locale storico, ma con nuova gestione, della città in cui vivo. Queste sono le testuali parole di un recensore su TripAdvisor, lette mentre curiosavo sulle ultime recensioni: “la pizza ha il bordo troppo largo, per cui ti ritrovi a mangiare una pizzetta!”
La pizzeria in questione, a mio sempre più o meno modestissimo parere, serve un’eccellente pizza (sic et simpliciter…) napoletana, con ovvio e gustosissimo cornicione pronunciato. È evidente che tale recensore non abbia idea di come si presenti una verace pizza napoletana. Certo, sempre meglio di chi, recensendo un ristorante di sushi, si è lamentato che il pesce fosse crudo…
Ma quanto è diffusa l’abitudine a non mangiare il “bordo” (per utilizzare la stessa terminologia dell’avventore medio), come se non fosse parte della pizza, come se fosse un inutile accessorio? Riesco a salvarmi in calcio d’angolo con un de gustibus non disputandum est e col fatto che spesso la pizza a lievitazione di mezzora non abbia proprio un cornicione invitante?
Alla luce del fatto assodato che il termine pizza abitualmente si associa a tutti i panificati a base piatta, schiacciata, Cracco ha quindi a pieno titolo potuto chiamare il suo piatto pizza. Col senno di poi si è rivelata la scelta di marketing più azzeccata, soprattutto per l’eco commerciale che ha ottenuto anche grazie alla propaganda gratuita degli haters di turno.
focaccia messinese.jpg
Mi chiedo però la ragione per cui in Sicilia, così come per quanto fatto con l’arancino/a e per la granita (non a caso differenti e distinguibili, ad esempio, dal supplì e dalla grattachecca romane), non abbiamo “turisticamente” puntato sul proporre le tradizionali pizze siciliane come, ad esempio, lo sfinciuni palermitano, la focaccia messinese, la schiacciata catanese, il pizzòlu di Solarino e Sortino o la scaccia ragusana, invece di riempire i nostri lungomare quasi esclusivamente di pizzerie, servendo una versione molto commerciale di pizza (più pratica, meno impegnativa e costosa dell’originale napoletana). Ci sono delle eccezioni. Ad esempio nel messinese sono diffusissime le focaccerie. Però è anche vero che i loro clienti abituali sono gli stessi messinesi e solo in minima parte i turisti.
A Marzamemi mi piacerebbe leggere fra le tante insegne fronte mare anche un coraggioso e siciliano scacceria… Tuttavia se lo stesso Cracco non ha osato, ad esempio, un focaccia margherita, figuriamoci chi ha innanzitutto l’esigenza di pagare in fretta bollette e personale.
La tradizione pachinese ha sempre e solo parlato di scaccia e scacciuni, non di pizza. Il massimo dell’esotismo terminologico è rappresentato da pizza muddiata. Si tratta in ogni caso di focacce concettualmente diverse dalla pizza napoletana per impasto e cottura, dal condimento molto semplice (combinando comunque ingredienti popolari di facile reperibilità quali pomodoro, aglio, pecorino grattugiato, olio, origano, sale, acciughe e olive).
focaccia messinese.jpg
Questa, se vi va di provare, è la mia versione di scaccia pachinese, imbastardita da un elemento onnipresente nella cucina messinese, la tuma.

L’impasto

Per un chilo d’impasto utilizzo generalmente 400 grammi di una farina 0 particolarmente forte (la Manitoba va bene), abbinata a 100 grammi di Russello (una semola ragusana), 100 grammi di Tumminia (un’integrale trapanese), 400 grammi d’acqua minerale a circa 27°, 5 grammi di lievito di birra, 15 grammi di sale e 15 di zucchero. Lascio riposare l’impasto ottenuto per 20-30 minuti, che comincerà a modificarsi mediante autolisi, trascorsi i quali aggiungo 15 grammi d’olio extravergine d’oliva (ovviamente, siciliano), il quale conferisce più sapore e maggiore elasticità e uniformità alle maglie glutiniche in formazione. Durante la maturazione dell’impasto, per almeno 24 ore, eseguo 5-6 volte le pieghe (ma non oltre 4 ore prima del suo utilizzo). Con pieghe si intende il ripiegare su sé stesso l’impasto per almeno 4 volte e in direzioni diverse, così da rilasciare i gas prodotti durante la lievitazione, immettere nuovo ossigeno e rimettere in moto il processo di lievitazione.

La farcitura

Dopo aver steso, rigorosamente a mano, l’impasto, per prima cosa metto dell’aglio tritato, delle acciughe finemente tagliate, la tuma tagliata a dadini che copro con del pomodoro fresco (tagliato ovviamente a piccoli pezzi e condito con sale e olio) cosicché funga da protezione rispetto al calore che tenderebbe a bruciarla prima del termine della cottura. Aggiungo infine olive, pecorino grattuggiato e origano.

La cottura

Quando non posso usufruire d’altri mezzi che del classico forno elettrico “casalingo”, seleziono il massimo della temperatura e cuocio su pietra refrattaria aspettando, prima di infornare, dieci minuti dopo che il forno abbia raggiunto la temperatura selezionata (in modo da riscaldare per bene la pietra). La scaccia è pronta quando il cornicione comincia a imbrunirsi.
Fonte Testo: Antonino Rampulla
ARCHIVIO NEWS
IL PITONE MESSINESE NON È UN SERPENTE MA UN PIDUNI! IL PITONE MESSINESE NON È UN SERPENTE MA UN PIDUNI!
Al pari della focaccia tradizionale, il pitone è una prelibatezza tipicamente messinese. A differenza dell’arancino/a che con alterna fortuna è possibile assaggiarlo/a in ogni angolo della Sicilia (tenendo debitamente in considerazione che ogni provincia propone la propria versione e una specifica desinenza), il pitone si può degustare quasi esclusivamente nei pressi della Città dello Stretto.Di origine popolare, come del resto la stragrande maggioranza delle pietanze tradizionali, il pitone è assimilabile a un calzone fritto a pasta non lievitata. Il nome, diffuso tra la maggior parte dei messinesi e nelle rosticcerie della città, è una storpiatura del dialettale piduni che significa piedone, poiché la sua forma ricorderebbe un grosso piede.La ricetta comune prevede l’utilizzo dello strutto, necessario a dare morbidezza all’impasto non lievitato. Proprio per questa sua...
VISITA ALLERGOLOGICA A PACHINO VISITA ALLERGOLOGICA A PACHINO
Con l’avvicendarsi della stagione primaverile si avvicina anche il periodo in cui verranno messe a dura prova non solo le lame del trattorino tagliaerba (dato il prosperare rigoglioso di ogni tipo di graminacea su ogni angolo dell’Agricamping Sophia), ma anche le nostre povere mucose nasali e i nostri ansimanti bronchi, nonostante il tentativo di improbabili slalom tra pollini vari e infiorescenze di olivi. Eppure non possiamo certamente sottrarci ai tanti lavori di manutenzione e “aggiornamento” al fine di rendere più piacevole la permanenza dei nostri futuri ospiti nella nostra agreste struttura ricettiva. Orsù dunque, al via tutte le prove allergiche necessarie per determinare con discreta esattezza di quali farmaci abbisogna il nostro organismo al fine di non perdere il vigore opportuno all’esecuzione dei lavori anzi citati!A chi rivolgersi? Se siete in Sicilia, in...
RECENSIONE SEMISERIA DI SOLDI DI MAHMOOD RECENSIONE SEMISERIA DI SOLDI DI MAHMOOD
Diciamola tutta: non avrei scommesso un solo euro sulla vittoria di Mahmood al Festival di Sanremo. Non tanto per la lontananza del brano proposto dai canoni tipici della canzone sanremese, quanto semplicemente perché non credevo potesse piacere al tal punto. In realtà il verdetto popolare (tramite il televoto) avrebbe premiato l’artista Ultimo, tuttavia la giuria demoscopica (ossia un campione di 300 abituali fruitori di musica), la giuria della Sala Stampa (formata cioè dai giornalisti accreditati) e la giuria d’Onore (composta sia da esperti del settore, sia da vip che con la musica non c’entrano proprio nulla…), ha decretato la vittoria di Soldi di Mahmood. Il cantante Ultimo, tramite un video recentemente postato su Instagram, avrebbe in buona sostanza gridato allo scandalo per l’arbitrario principio della preminenza popolare rispetto alle tre giurie di fatto...
LA MIA FOCACCIA…SICILIANA LA MIA FOCACCIA…SICILIANA
Culinariamente cresciuto tra Messina e Pachino, dilettandomi tra forni e fornelli, ho per forza di cose sviluppato una visione sincretica della cucina siciliana, in special modo dei prodotti panari. La cucina regionale è infatti estremamente varia e differente da provincia a provincia. La ragione è storica: vari e differenti sono stati gli influssi culturali delle tante dominazioni susseguitesi e accavallatesi, le quali hanno più o meno contaminato determinate zone della Sicilia. Complicato identificare un chiaro filo conduttore tra il cous cous trapanese, la scaccia ragusana, la cipollina catanese, la pasta con le sarde palermitana e le braciole messinesi. Un tour culinario della Sicilia si rivelerebbe talmente ricco e complesso da non scontentare nessun palato. Tuttavia non bisogna stupirsi se in una rosticceria messinese non potrete mai assaggiare una scaccia ragusana e in una...
TORRE SCIBINI: SIMBOLO DI PACHINO (E MENO MALE…) TORRE SCIBINI: SIMBOLO DI PACHINO (E MENO MALE…)
Tra i monumenti più importanti di Pachino, tanto da essere stilizzata nello stemma araldico della città, la torre Scibini (o Xibini, poiché in passato l’imperfetta scrittura dei termini inizianti con le lettere S e C, spesso tracciate troppo vicine tra loro, dava adito all’errore di trascrizione in X) giace dimenticata sul bordo di una trazzera di campagna, a un paio di chilometri dal centro abitato. Torre Scibini, che subì copiosi danni a causa del sisma che nel 1693 rase al suolo Noto, è stata timidamente ma efficacemente ristrutturata solo nel 1994 da parte della Soprintendenza di Siracusa. Da allora la sua valorizzazione migliore è stata ad opera dalle piante di cappero che floridamente crescono alla sua base…Acquisito nel 1395, durante la dominazione spagnola della Sicilia, dal barone Mainitto Xurtino (o Sortino) di Palazzolo (Acreide), il feudo Scibini era...
PRIMA I…SICILIANI! L’ORIGINE DELLA SICILIANITÀ PRIMA I…SICILIANI! L’ORIGINE DELLA SICILIANITÀ
In matematica si definisce assioma un principio che si ritiene vero per evidenza. In altre parole tale verità non ha necessità d’essere dimostrata. In termini religiosi vi si dovrebbe credere per fede. Ad esempio, sull’evidenza che per due punti passi una sola retta si è costruita la geometria euclidea che fino in epoca moderna si è ritenuta l’unica geometria possibile. Affermare Prima i siciliani! presuppone che esista una definita e identificabile sicilianità, che non può ridursi al solo nascere o abitare in Sicilia, altrimenti mio fratello, che si è da poco trasferito a Milano, non sarebbe più siciliano o rischierebbe di perdere, dopo un dato periodo (che nessuno studio scientifico ha ancora determinato…), tale status. Occorre quindi capire quale sia l’assioma che dà il via alla costruzione della sicilianità. È ampiamente smentito che la genetica possa...
ELORO: COSA (NON) VEDERE ELORO: COSA (NON) VEDERE
Del sito archeologico di Eloro ne abbiamo già accennato qui. Si tratta dei resti di un’antica polis, colonia di Siracusa, che purtroppo non c’è verso di poter ufficialmente visitare: tutta l’area è recintata e abbandonata. Fortunatamente l’ufficiosità offre un paio d’inaspettate possibilità a ridosso del mare… La vegetazione incolta, il terreno scosceso, la presenza di pozzi (in verità messi in relativa sicurezza con delle grate in metallo dai volenterosi archeologi che nel secolo scorso si sono occupati dei pochi e insufficienti scavi) e di colpetti di zappa e ruspa qua e là per opera di industriosi tombaroli, rendono la visita del sito non priva di pericoli (rischio di una bella multa a parte). Dal punto di vista della sicurezza è quindi giustificata la sua recinzione. È l’incuria e il suo abbandono che fatico ad accettare. Soprattutto alla vista della villetta...
IN BALIA DEL GIUDIZIO DI UN IMBECILLE: LA RECENSIONE COME PUNIZIONE IN BALIA DEL GIUDIZIO DI UN IMBECILLE: LA RECENSIONE COME PUNIZIONE
In attesa dell’appuntamento col mio webmaster per la periodica manutenzione del sito internet del camping, do una rapida occhiata al suo posizionamento rispetto ad alcune “query” di ricerca, per valutare il ritocco di alcuni “meta tag” (non che cambi poi molto ma, diceva il saggio, ogni fegatino di mosca è sostanza…) Da tutte le ricerche, utilizzando parole chiave e combinazioni ovviamente attinenti, si rileva una costante: come il prezzemolo, TripAdvisor è onnipresente. Sul finire di questo 2018, non c’è nulla di cui stupirsi. TripAdvisor è tra i siti più cliccati al mondo. Si può considerare una sorta di Guida Michelin online, in costante aggiornamento, avente un numero spropositatamente più ampio d’ispettori, però non retribuiti. TripAdvisor sfrutta meccanismi da social network per volgere buona parte dei propri passivi “utenti” in attivi...