Come nasce ed evolve un campeggio - La cinica verità
Come nasce ed evolve un campeggio - La cinica verità
Fonte Foto: Gaetano Sciacca, Dario De Marco
IL PRESUPPOSTO SOCIALE

Provengo da una famiglia che nel tempo ha acquisito un relativo benessere economico, non per qualche tipo di arcana rendita passiva, ma semplicemente per le scelte lavorative e di gestione economica di mio padre e mia madre. Tutti i miei nonni erano infatti semplici contadini che, grazie al duro lavoro in campagna, non stavano male ma non navigavano nemmeno nell’oro. Stavano comunque abbastanza bene da consentire ai figli di studiare. Da figlio di contadini, mio padre ha così potuto pensionarsi da Generale dell’Esercito Italiano.

SENZA SOLDI NON SI CANTA MESSA

Per realizzare il camping, ho tentato di intercettare i fondi che l’Europa elargisce tramite la Regione Sicilia. Tuttavia, tra le presidenze di Cuffaro e Lombardo, quei fondi risultavano “congelati” (c’erano ma per il momento indisponibili…) In ogni caso, per accedere a quei finanziamenti a fondo perduto nell’allettantissima misura del 75% (iva esclusa) avrei dovuto vincere un bando. Per avviare l’iter burocratico per vincere qual bando, avrei comunque dovuto avere qualche migliaio di euro in tasca. Riassumendo all’osso calcoli e ragionamenti, avrei dovuto disporre di tasca mia (o tramite prestito bancario) della metà della cifra totale per realizzare il progetto (che, tra l’altro, troppo piccolo non sarebbe potuto essere, altrimenti bando non ne avrei vinto…) In sostanza, da neo laureato, avrei avuto difficoltà perfino a reperire i soldi per avviare l’iter. Tuttavia, fortunatamente, c’era papà a dare una mano! Così me ne sono potuto fregare anche degli intrallazzi di Cuffaro e Lombardo…

LA PRIMA PIETRA

La parte del camping oggi dedicata all’area tende, era uno dei terreni di mio nonno materno, oggi di mia madre (gentilmente concessomi in comodato d’uso), inizialmente coltivato a vigna ma successivamente, per mia fortuna, impiantato a uliveto. È quindi il primo ulivo piantato a suo tempo da mio nonno, la prima vera pietra dell’Agricamping Sophia. Mio zio materno per primo si rese conto delle potenzialità turistiche e commerciali di quell’appezzamento a ridosso di un fiorente Marzamemi. Non a caso in una porzione di quel terreno costruì la cantina e il punto vendita della propria azienda, Vini Sultana. Ed è proprio da lì che osservando estasiato l’uliveto all’imbrunire cominciavo a vedervi, come fosse un miraggio, delle tende piantate…

UN PROCESSO DIALETTICO

Volendo giocare con uno dei più celebri concetti filosofici, se si considera come negazione il movimento che dai miei nonni allontana i miei genitori dalla campagna e come negazione della negazione quello che come nipote mi riporta in campagna ma in una veste nuova includente l’esperienza dei miei genitori, la nascita dell’Agricamping Sophia è considerabile una tappa di un processo dialettico di hegeliana memoria. Tappa che certamente già sta influenzando la vita dei miei figli. In altre parole, quasi nessuno parte davvero da zero. E per quanto mi riguarda, sono stato piuttosto fortunato.


colazione-camping-2021.jpg
IL BACKGROUND CULTURALE

Quasi al termine del mio percorso di studi in filosofia, sulla mia scrivania da un lato c’era la bozza della mia tesi di laurea, dall’altro il progetto del camping. Al netto dei fantasiosi sbocchi professionali decantati nella presentazione dei corsi di laurea, l’unica concreta possibilità lavorativa direttamente connessa a una laurea in filosofia era (e probabilmente resta) l’insegnamento. Riguardo all’insegnamento il problema era fondamentalmente la confusione regnante allora sul percorso per potervi accedere. Mi sarebbe piaciuto insegnare, non lo nego. Tuttavia avevo un’esigenza prioritaria: fare soldi per rendermi indipendente. E se molti miei ex colleghi universitari fanno gli insegnanti di sostegno (costretti quindi “inventarsi” competenze che possiedono solo parzialmente, dato che non sembra che la filosofia dia diretto supporto teorico ad avere a che fare con ragazzi problematici…), pochi altri (a quarant’anni) hanno una cattedra. No, non potevo aspettare così tanto (specialmente, perdonatemi ma purtroppo è così, a fronte di uno stipendio non all’altezza del ruolo e della responsabilità). A un certo punto dei miei studi mi sono guardato attorno e ho visto l’uliveto di mia madre, Marzamemi che diventava sempre più di moda, una lunga esperienza da scout e nella musica, un padre che avrebbe potuto aiutarmi e una laurea in filosofia che comunque mi sarebbe tornata utile. Tra la fine degli anni ’80 e dei ’90, per l’appunto, sono stato scout. Lo scoutismo all’epoca non era ancora viziato dall’iper-controllo e dall’iper-ansia dei genitori (me compreso…) del nuovo millennio. Il tratto caratteristico di quello scoutismo era l’acquisizione di competenze tali da riuscire a cavarsela in quasi ogni situazione, da soli o in squadra: poco più che bambini ci facevano fare cose per le quali oggi non saprei quante assicurazioni e autorizzazioni ci vorrebbero. In ogni caso, da quell’esperienza da scout (si pensi, ad esempio, a semplici fatti come saper fare diversi nodi o montare vari tipi di tende) sto traendo, in relazione al lavoro nel mio camping, moltissimi vantaggi. La musica l’ho sempre amata e da adolescente ho anche cominciato a suonarla. Erano gli anni d’oro del grunge, dell’iconico film “Jack Frusciante è uscito dal gruppo”, dei locali per musica dal vivo, per jam session. In quegli anni, il mio garage (o meglio, dei miei genitori…) era diventato una sorta di centro sociale: con gli strumenti perennemente montati, passavo con gli amici interi pomeriggi suonando.

LA RICETTA

L’idea era fondamentalmente quella di realizzare una struttura di ricezione turistica tagliata su ciò che sapessi più o meno fare. Tuttavia non avevo alcuna esperienza diretta nell’organizzazione e nella gestione di un campeggio, tranne che per quanto concerne i campi scout… Ne è uscito fuori un camping semplice, essenziale, votato alla cultura musicale con cui avevo più confidenza: insomma, una sorta di anti-villaggio turistico. Per essere precisi, tecnicamente, per esigenze burocratiche, si tratta di un agri-campeggio, ossia di un’azienda agricola alla quale è assegnato un nulla osta agrituristico. Per forza di cose, per quanto riguarda la cura degli “oneri” agricoli, non ho mai ovviamente oltrepassato il “minimo sindacale”.


scaccia-wittgenstein.jpg
CHI MANGIA FA MOLLICHE

I primi due anni, in particolare, sono stati, per inesperienza, i più difficili. Ho creduto, ad esempio, che le esigenze dei lavoratori stagionali di Marzamemi, nella maggior parte dei casi “bancarellisti”, fossero compatibili con quelle dei vacanzieri. Con un romantico spirito di solidarietà, li ospitavo a tariffe di assoluto favore. A tanti però stavano strettine alcune regole, ad esempio, quella di non lasciare i propri cani scorrazzare liberamente per il campeggio. Tuttavia la cosa più complicata da incastrare erano i loro orari con quelli di “servizio” (ad esempio gli orari di lavaggio dei bagni). La convivenza per l’intera stagione estiva, in queste condizioni, si rivelava umanamente stressante, da entrambi i lati. Per questo, gli anni successivi, sono stato costretto a proporgli tariffe regolari che, ovviamente, hanno un po’ fatto da filtro e sostanzialmente risolto il problema. Altro iniziale errore fu lavorare con i camperisti senza esser mai stato un camperista, specialmente supponendo che avessero esigenze assimilabili a quelle dei campeggiatori, tra l’altro in un ambiente pensato e organizzato per piantare delle tende. Man mano che passavano gli anni riducevo sempre più le aree dedicate ai camper, fino a quando non le ho del tutto eliminate. In buona sostanza, non sempre si riescono a conciliare esigenze professionali con esigenze “sociali”: un camping è pur sempre un’impresa imprenditoriale e non una onlus di volontariato. Inoltre, cercare di intercettare più target possibili (nel caso specifico, sia campeggiatori sia camperisti) per pochi euro in più ma a scapito della qualità del servizio, alla lunga risulta controproducente anche per le tasche. Così come alla stessa logica attiene il darsi un limite strutturalmente sostenibile all’accettazione di ospiti a Ferragosto: si “rischia” così di guadagnare anche qualche migliaio di euro in meno ma, riducendo le occasioni di malcontento, si riducono anche le possibilità di recensioni negative (la cui influenza, che ci piaccia o no, non è affatto trascurabile). Io, all’uovo oggi, scelgo sempre la gallina domani…

I MIEI AMICI-COLLABORATORI

Ho quasi sempre corso il rischio di rivolgermi ad amici fidati della città in cui sono cresciuto e vivo, Messina, per farmi aiutare nella gestione del camping. E non a caso ho utilizzato l’espressione “correre il rischio”, perché sebbene si possano dormire sonni tranquilli (non mi è mai scomparso mezzo euro, per intenderci), il rischio che un rapporto d’amicizia degeneri, lavorando per due o tre mesi all’anno a stretto contatto, condividendo ogni tipo d’emozione, è notevole. Specialmente durante i primi anni, quando l’incertezza di procedere nella giusta direzione, non consentiva la relativa rilassatezza con cui oggi, con tanta consapevolezza in più sul groppone, si può lavorare. Fra gli errori iniziali vi fu quello di dormire perfino nello stesso ambiente. Lo facevo dagli scout, ma per una o due settimane, non per due/tre mesi… L’intuizione fu banale: anche se “siamo tutti amici e ci vogliamo bene” (cit. Elio e le Storie Tese) dobbiamo staccare la spina a un certo punto della giornata, anche dagli amici. Da qualche anno i miei collaboratori fanno base ognuno in una spaziosa tenda “glamping”: da un piccolo accorgimento ne hanno tratto vantaggio i nostri rapporti personali, la qualità del riposo notturno e del lavoro.

A NOSTRA IMMAGINE E SOMIGLIANZA

L’antropologo Augé definisce “non-luoghi” posti come McDonald, cioè posti uguali in ogni parte del mondo, con lo stesso stile d’arredamento, gli stessi prodotti in vendita, in cui tutti, avventori e personale, sono sostituibili. L’Agricamping Sophia è, di fatto, l’esatto opposto. Ad esempio, la gestione del “chiosco” è talmente caratteristica, plasmata a immagine e somiglianza di uno dei miei collaboratori storici, che se domani decidesse di non lavorare più col sottoscritto, sarebbe impossibile da rimpiazzare senza trasfigurarne radicalmente lo stile. Più in generale, l’Agricamping Sophia è esattamente come chi ci lavora e come gli amici habitué che lo frequentano (il simile cerca il simile…) Ogni scelta, anche la scelta del tipo di caffè o della birra, rispecchia le nostre personalità. Nulla è gettato lì per caso o perché “si fa così”. Anche per una semplice pizza, noi non solo studiamo e ricerchiamo l’impasto che più si allontani dalla classica napoletana (cribbio, siamo in Sicilia!) o dalla più anonima pizza d’asporto, cercando di utilizzare il più possibile farine siciliane, ma la chiamiamo “scaccia” (così come mio nonno la chiamava). Noi non abbiamo la “Margherita” ma la “Wittgenstein”, con sicilianissima tuma e sicilianissimo datterino. Insomma, se vuoi fare la differenza, non sforzarti di essere differente ma sii semplicemente te stesso. Infatti non piacciamo a tutti…


scaccia-wittgenstein.jpg
FIDARSI DELLE COSTANTI

Studiare filosofia ha un pregio (che, per altri versi, è anche il suo più grande difetto): ti rivolta come un calzino. E tornando a scomodarne un po’ (di filosofia, non di calzini), vado ancora un po’ più a fondo rispetto alla logica che mi ha condotto alla scelta di aprire un camping. Credo che siamo tutti d’accordo nel definire la società umana come un sistema vivente, complesso e dinamico. In quanto “vivente”, ha necessità fisiologiche come mangiare, dormire, spostarsi, etc., considerabili delle costanti difficilmente mutabili. Il “viaggio” oggi risponde, nella maggior parte dei casi “occidentali”, a esigenze legate al relax e al piacere, ossia, anche queste, necessità fisiologiche. In altre e più semplici parole, l’uomo nel corso della storia ha sempre mangiato, dormito, viaggiato, etc., ed è probabile che continuerà a farlo ancora per molto tempo. Per la sagra delle ovvietà: aprire un camping in un luogo turisticamente attraente, associandogli un’attività ristorativa, quanto potrebbe essere una mossa sbagliata?

ASSECONDARE I MUTAMENTI DELLE CONDIZIONI

Dicevamo che la società umana è un sistema vivente, complesso e dinamico. Quindi, in quanto “complesso” e “dinamico”, presuppone anche il cambiamento di una miriade di fattori. Ad esempio, cambia la possibilità di spesa delle famiglie in prossimità di crisi economiche in seguito a pandemie, per cui la medesima tariffa per affittare un bungalow ha un valore “reale” differente in relazione al periodo. Ad esempio, cambiano le mode riguardo ad accorgimenti estetici di un sito internet, per cui alcune impostazioni che prima andavano bene, oggi vanno cambiate. Ad esempio, le stesse tende di cotone degli anni ’70, soppiantate nei decenni a seguire dalle più leggere e trasportabili tende in poliestere, tornano oggi di gran moda come tende “glamping”. Ad esempio, oggi si può collocare una casa mobile senza concessione edilizia, domani no perché cambiano le leggi, dopodomani sì perché le leggi sono nuovamente cambiate. Ad esempio, proponiamo un servizio che ci sembra una figata, per poi scoprire che in realtà non si fila nessuno. In altre parole, è vero che si può contare su determinate “costanti” su cui fondare il nocciolo di un’attività imprenditoriale, ma se tanti altri fattori mutano, bisogna cambiare in tempo con loro.

VITA ACTIVA

Quello che finora vi ho raccontato, non è ripetizione pappagallesca di nozioni pescate qua e là. È una riflessione sincera sulla mia esperienza da imprenditore. Ho semplicemente condiviso i ragionamenti che hanno preceduto la scelta di avviare la mia attività imprenditoriale e di correggerla via via. Riflessioni probabilmente scontate, banali. Ma è proprio per questo che, col senno di poi, hanno funzionato. Perché erano proprio lì davanti a me, bastava semplicemente accorgersene. E dopo tanta ovvietà, non posso che concludere con un altro concetto ovvio.
Qualunque prodotto un’impresa voglia vendere (sia esso un servizio, un prodotto artistico, una camicia, etc.), se appetibile al “mercato” (cioè a tuo fratello, a tua zia, al tuo amico, al tuo professore, all’impiegato di Biella, all’ingegnere olandese, etc., quindi non a un “diabolico ente astratto” nemico del popolo), allora sarà acquistato. Tuttavia, se tale prodotto, nonostante eventuali sforzi per farlo apparire più appetibile di quanto realmente sia, non lo acquista nessuno, l’impresa potrà anche pensare che il “mercato” non capisca nulla o sia ignorante, ma il prodotto rimarrà comunque invenduto…
Ovviamente (ma non è nemmeno, purtroppo, questione così ovvia…) bisogna darsi dei limiti etici, dal rifiutarsi di produrre e vendere mine antiuomo a (con i dovuti distinguo…) non incoraggiare chi non ne vuol sapere di fare la raccolta differenziata a scegliere l’Agricamping Sophia.
Parafrasando (pesantemente…) Hannah Arendt, nessuna attività (politica, culturale, imprenditoriale, etc.) è realmente efficace se non è preceduta dall’apparente “non-attività” della riflessione.
Fonte Testo: Antonino Rampulla
ARCHIVIO NEWS
NON CHIAMATELO MAESTRO – DIECI CANZONI CHE NON CI STANCHEREMO MAI DI ASCOLTARE NON CHIAMATELO MAESTRO – DIECI CANZONI CHE NON CI STANCHEREMO MAI DI ASCOLTARE
18 maggio 2021: succede quello che purtroppo da un momento all’altro, da tempo, sapevamo che sarebbe accaduto. La voce stanca del suo commiato, del suo testamento spirituale, Torneremo ancora, scritto a quattro mani con l’amico Juri Camisasca, anche autore della splendida Nomadi, già tradiva la speranza di un suo ritorno sulle scene.Scusateci se saltiamo a piè pari l’ennesimo copia/incolla di vita, morte e miracoli di Franco Battiato. Di lui potete leggere quel che volete, dove volete, perché tantissimo in questi giorni, forse anche un po’ ipocritamente, è stato scritto. Semplicemente, non chiamatelo Maestro, perché più volte ha espresso pubblicamente disagio verso l’epiteto che, quando ci si è resi conto della portata incredibile della sua vena artistica e culturale, gli stessi che prima l’hanno denigrato per i suoi avanguardistici esordi, via via si sono affrettati...
CRONACA DI UNA RICETTA: QUANDO BRIOCHE FA RIMA CON STRUTTO CRONACA DI UNA RICETTA: QUANDO BRIOCHE FA RIMA CON STRUTTO
Ve lo confessiamo: per campanilismo regionale e per eccesso salutista avremmo preferito utilizzare il nostro olio d’oliva e le nostre farine (semole varie e maiorca). Ci abbiamo provato. Abbiamo fatto innumerevoli sperimentazioni. Tuttavia dobbiamo arrenderci all’evidenza. I risultati migliori li abbiamo ottenuti con gli ingredienti contro i quali abbiamo costantemente tifato: manitoba e strutto. Della manitoba ne abbiamo già abbondantemente parlato a più riprese: si tratta essenzialmente di una farina di forza di grano tenero, purtroppo per buona parte d’importazione. Cos’è invece lo strutto? Lo strutto è un grasso alimentare ottenuto dalla cottura del tessuto adiposo del maiale (in particolare dall’area dorsale e surrenale), filtrato e lasciato raffreddare. In Sicilia, durante la dominazione spagnola (tra il XVI e XVII secolo), l’antico termine...
TRIPADVISOR TRAVELLERS’CHOICE: ACQUA AL PROPRIO MULINO… TRIPADVISOR TRAVELLERS’CHOICE: ACQUA AL PROPRIO MULINO…
Stamane, mentre bazzicavo sul sito del camping per controllare che il sistema di prenotazione funzionasse a menadito, notavo distrattamente che il logo del certificato d’eccellenza di Trip Advisor è fermo al 2018… Non che ce ne sia mai importato moltissimo, tuttavia, come si sul dire alle nostre latitudini, è un riconoscimento che comunque fa sciacquazza. E dal 2019 che è successo? A parte un leggero incremento delle recensioni su Google (dove il sistema recensivo forse è percepito come più snello e rapido) rispetto a Trip Advisor, la qualità e la quantità di recensioni è rimasta più o meno costante. E quindi? Non è che per caso hanno influito le recenti scaramucce per recedere dal contratto Business Advantage (questione risolta dopo mesi di mail, pec e telefonate, da un gentile Customer Success Executive)? La curiosità a questo punto si insinua tra le mie...
TRA I LIEVITATI DI CHRISTIAN E LA SCIENZA DI BRESSANINI TRA I LIEVITATI DI CHRISTIAN E LA SCIENZA DI BRESSANINI
Nel momento in cui vi diremo che curiamo il nostro blog a prescindere dalla palese associazione con la nostra attività professionale, non credeteci perché staremmo stupidamente mentendo. Ovviamente senza alcuna passione non può venir fuori nulla d’interessante e credibile. Ma è chiaro che se qualche lettore casuale, attratto dai nostri contenuti, finisca anche per incuriosirsi della nostra attività o semplicemente veda distrattamente il nostro logo, non è che ci faccia proprio schifo… Per concludere la “sagra delle ovvietà fintamente segrete”, ci sembra doveroso ricordare che anche chi cura un canale su Youtube o un gruppo su Facebook, se offre contenuti originali e di qualità, ha certamente impiegato ore, ore e ore di studio e lavoro per offrirli comunque gratuitamente, ed è sacrosanto se riesca infine a rimborsarsi almeno le spese o perfino a guadagnarci qualcosa con...
GRANI ANTICHI TRA OLIO D’OLIVA E AUTOLISI GRANI ANTICHI TRA OLIO D’OLIVA E AUTOLISI
Stiamo cercando di abbandonare del tutto l’utilizzo di farine non-siciliane per i nostri prodotti lievitati, non solo per il piacere di riscoprire quei grani antichi che, a prescindere dalla moda del momento, i nostri nonni realmente utilizzavano, non solo per prendere le distanze da quei sapori standardizzati che ormai ovunque possiamo trovare, ma anche perché i criteri di produzione di grano in Italia, a differenza delle giurisdizioni d’oltreoceano, limitano fortemente l’uso di fitosanitari la cui effettiva innocuità per l’uomo è ancora da dimostrare. Anche se finora ci siamo riforniti da molini italiani e siciliani è ovvio che particolari farine di forza non possano essere del tutto derivanti da frumento coltivato nel Bel Paese, semplicemente per improbabilità statistica (dato che la produzione in territorio italiano di grano tenero copre solo il 30% del fabbisogno...
DAI COCCODRILLI NELLE FOGNE DI NEW YORK ALLA BRUCIATURA DELLE TEGLIE IN FERRO BLU DAI COCCODRILLI NELLE FOGNE DI NEW YORK ALLA BRUCIATURA DELLE TEGLIE IN FERRO BLU
Se, come noi dell’Agricamping Sophia, sei appassionato di pizze in teglia e focacce, ti è certamente giunta notizia o hai casualmente letto delle miracolose doti di cottura delle leggendarie teglie in ferro blu. Per curiosità, complice anche il lockdown a causa del Covid-19, ne abbiamo acquistato un paio, per uso privato, da produttori diversi. Essendo al corrente, tramite la frequentazione di forum specializzati e la lettura di una miriade di articoli in rete, della fantomatica bruciatura che dovrebbe essere un’operazione preliminare necessaria per dare il via libera al loro utilizzo, ci siamo acriticamente prodigati nel seguire alla lettera una delle guide scovate fra i primi risultati di Google. L’esito? Tanto fumo, odore di olio bruciato in tutta la casa e due teglie apparentemente rovinate. Immediatamente consultati i forum di cui abbiamo accennato, la diagnosi è che...
RIFLESSIONI SUL LIEVITO MADRE AL TEMPO DEL CORONAVIRUS RIFLESSIONI SUL LIEVITO MADRE AL TEMPO DEL CORONAVIRUS
Scagli la prima pietra chiunque non abbia mai impastato (almeno la propria prima volta in assoluto…) alla penem canis, scaricando un intero cubetto da 25 grammi di lievito di birra in mezzo chilo di farina, come se avesse dovuto far lievitare anche la ciotola … E dopo un paio d’ore (miracolo!) ritrovarsi a sgranocchiare con difficoltà il biscottoso o gommoso risultato chiedendosi perché non ricordasse nemmeno lontanamente una pizza...Il “problema” è che, come già più approfonditamente spiegato riguardo alla fantomatica autolisi, se la lievitazione avviene più rapidamente della sintesi proteica, quell’impasto perde di edibilità e diviene più indicato per utilizzi alternativi, ad esempio come colla… La lievitazione non è l’unico processo chimico e microbiologico che avviene in un impasto ma certamente è tra i più importanti. E se alle soglie della “fase...
FENOMENOLOGIA DEL FOCACCISMO: AUTOLISI O POOLISH? FENOMENOLOGIA DEL FOCACCISMO: AUTOLISI O POOLISH?
Salto brutalmente preamboli e introduzione, se ne sentite la mancanza leggete pure la precedente disamina fenomenologica concernente poolish, biga e proof . Lo scopo è, sic et simpliciter, cercare di comprendere, tramite test empirici, quali siano i migliori modi per godere di uno fra i doni più graditi che madre natura e l’ingegno umano ci hanno fatto: la focaccia! Cos’è il poolish? È un prefermento preparato con egual parti di acqua e farina e una quantità (per quanto mi riguarda) minima di lievito, meglio se infilato in frigorifero (ovviamente in una ciotola…), tanto i lieviti sono attivi anche tra i 4 e gli 8 gradi Celsius, per 16 ore (se a temperatura ambiente, per molto meno tempo ma sarà differente anche la qualità finale del poolish). Vale sempre la regola dei lievitati: se avete fretta, le crespelle (crepes, per i francofili) si preparano in molto meno tempo…...